CICLOVIA LA TRADOTTA

La Tradotta: da Montebelluna a Nervesa della Battaglia

La Tradotta è una pista ciclopedonale, inaugurata a giugno 2020 e lunga circa 18,5 km, che collega Montebelluna a Nervesa della Battaglia, passando per i Comuni di Montebelluna, Volpago del Montello e Giavera del Montello. Questa pista ciclopedonale è stata realizzata, principalmente per scopi militari, sulla vecchia linea ferroviaria “La Tradotta” Montebelluna-Susegana; il progetto, elaborato dalle Ferrovie dello Stato, risale al 1914 mentre l’apertura ufficiale è del 1916. In seguito alla Prima Guerra Mondiale, a causa dei pesanti danni subiti, fu riaperta nel 1920. Nel 1966 venne infine soppressa anche se nel corso degli anni ’70 fu utilizzata per corse sostitutive tra Montebelluna e Conegliano.
Il percorso si può svolgere senza difficoltà poiché completamente pianeggiante e quindi adatto a tutte le età ed esigenze.

Cosa visitare durante il percorso:

  • A Montebelluna è possibile visitare il Museo di Storia Naturale e Archeologia, il ME.VE. Memoriale Veneto della Grande Guerra presso Villa Correr Pisani ed il Museo dello Scarpone e della Calzatura Sportiva.
  • Il Montello è il colle che si estende dall’abitato di Nervesa della Battaglia fino a Montebelluna e Crocetta del Montello; ai piedi delle pendici meridionali si estendono i Comuni di Giavera e Volpago del Montello dove passa “La Tradotta” mentre, nel versante nord, è circondato dal Piave. È possibile quindi deviare il percorso della pista ciclopedonale per visitare il Montello, un territorio fortemente segnato dalla Grande Guerra e ricco di storia e monumenti, tra i quali ricordiamo il memoriale di Francesco Baracca, aviatore legato alla casa automobilistica Ferrari, l’Abbazia di Sant’Eustachio, l’Ossario dei Caduti e il Cimitero Britannico. Inoltre, il Montello è conosciuto anche come Bosco della Serenissima poiché riforniva di legname la Repubblica di Venezia. A memoria e testimonianza di quel periodo storico, sono rimaste le XXI “Prese”, sezioni del colle che lo dividevano da nord a sud e che servivano a pianificare la raccolta del legname. Il Montello è dunque un luogo ideale non soltanto per gli itinerari in bici ma anche per le escursioni a piedi e a cavallo, con una grande varietà di flora e fauna.

La pista ciclopedonale “La Tradotta” fa parte di un più ampio progetto che vuole rendere più completo il percorso con un ulteriore itinerario ciclopedonale a nord del Montello, lungo l’argine del Piave. In questo modo, si andrà a realizzare un vero e proprio anello completo attorno al Montello.

SCARICA MAPPA

Fonti: aroundandabouttreviso.com/la-tradotta-pista-ciclopedonale-tra-montebelluna-e-bidasio/